Servizi Chi siamo Notizie Contatti

Notizie

Energivori: disposizioni urgenti in materia erogazione delle agevolazioni anni 2013, 2014 e 2015 

di Giandonato Loporcaro pubblicato il 2016-11-18 14:34:23

 

E’ stata pubblicata oggi,18/11/2016  la delibera 677/2016/R/EEL sul sito dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas, che, in linea con le anticipazioni che vi avevamo fatto nei giorni precedenti, dispone l’urgente sblocco delle agevolazioni alle imprese a forte consumo di energia elettrica riferite agli anni di competenza 2013/2014 e 2015. Qui di seguito si riportano schematicamente, per anno di competenza, le disposizioni dell’Autorità inserite nella suddetta delibera:

 

Anno 2013:        

Le agevolazioni erano state già erogate alle aziende su presentazione di garanzia fideiussoria con scadenza via via prorogata fino al termine del prossimo 30/11/2016. Le fideiussioni  NON dovranno essere rinnovate se non dietro esplicita richiesta da parte della Cassa per i Servizi Energetici ed Ambientali (CSEA). In alcuni casi infatti la CSEA sta facendo verifiche di compatibilità con la normativa europea in termini di sovracompensazioni . Solo in tali casi la CSEA richiederà ancora una proroga.

Anno 2014:        

La cassa procede al riconoscimento degli importi senza richiesta di garanzie fideiussorie.

Tempistiche: entro il 15 dicembre 2016 CSEA pubblicherà l’elenco delle imprese a forte consumo di energia dell’anno 2014, da tale termine partiranno le erogazioni.La CSEA pubblicherà contemporaneamente anche una lista della aziende la cui pratica 2014 è ancora in verifica e per le quali l’erogazione risulterà ancora sospesa.

Anno 2015:        

La CSEA entro il  31 gennaio 2017 provvederà all’apertura del portale ai fini delle dichiarazioni anno 2015. Nell’ambito di tali dichiarazioni verranno raccolti anche i dati relativi al VAL – valore aggiunto lordo – registrati dalle imprese a forte consumo di energia anche negli anni precedenti ( 2013 e 2014). Attenderemo le modalità operative definite dalla CSEA per la raccolta dei dati ma riportiamo qui un estratto della normativa europea dal quale si desume la definizione di VAL:

                               per valore aggiunto lordo (VAL) per l’impresa s’intende il valore aggiunto lordo al costo dei fattori, ossia il VAL a prezzi di mercato al netto di eventuali imposte indirette, più gli even tuali sussidi. Il valore aggiunto al costo dei fattori può essere calcolato sulla base del fatturato, più la produzione capitalizzata e gli altri redditi operativi, più o meno le variazioni delle scorte, meno gli acquisti di beni e servizi (1), meno altre imposte sui prodotti collegate al fatturato ma non detraibili, meno dazi e imposte sulla produzione. In alternativa, può essere calcolato aggiungendo al risultato lordo di gestione i costi del personale. I proventi e gli oneri classificati come finanziari o straordinari nei conti aziendali sono esclusi dal valore aggiunto. Il valore aggiunto al costo dei fattori è calcolato a livello lordo, in quanto le rettifiche di valore (ad esempio, l’ammortamento) non sono defalcate (2).

 

Siamo come di consueto a vostra disposizione per seguirvi sulla tematica sia riguardo le erogazioni anni 2013 e 2014 sia riguardo la prossima iscrizione a portale per la competenza anno 2015.


Commenti